Avv. Marco Piccolo

Avvocato Esattoriale

Ti aiuto a difenderti contro Equitalia

Dal 2006, raggiungendo una competenza specialistica nella tutela dei cittadini e delle imprese contro Agenzia delle Entrate Riscossione (ex Equitalia), lo studio dell’Avvocato Marco Piccolo si occupa di diritto tributario.

di debiti sospesi ed annullati (solo nel 2022)
Contribuenti Aiutati da fine lockdown
Cause concluse con esito positivo (solo nel 2022)
%

Qui trovi la Consulenza Legale professionale per problemi di Diritto Tributario ed Esattoriale

Tuteliamo il contribuente in tutte quelle situazioni di esposizione verso l'Agenzia delle Entrate Riscossione (ex Equitalia).

Sospensione Legale della Riscossione

Da anni, ormai, è uso del nostro Studio tentare di ottenere (ove ne ricorrano le condizioni) un provvedimento di annullamento dell'atto illegittimo per autotutela prima di avviare il contenzioso. L'autotutela è il procedimento con cui una Pubblica Amministrazione può rimuovere un provvedimento che ha emesso qualora ne accerti l'illegittimità. Può attivarsi d'ufficio per iniziativa della stessa Amministrazione o su istanza del contribuente. Sull'istanza per autotutela l'Amministrazione ha il potere di intervenire, non l'obbligo; tuttavia il vantaggio di questo strumento sta nella possibilità per il contribuente di ottenere risultati importanti in tempi rapidi evitando, così, il contenzioso ed i costi ad esso legati. L'istanza di annullamento per autotutela può essere presentata via pec, via e-mail o su carta semplice, e deve indicare: i dati identificativi del contribuente, il provvedimento di cui si richiede l'annullamento, l'esposizione dei motivi posti a fondamento della domanda e la sottoscrizione; il tutto accompagnato da fotocopia del documento di identità (o, se trattasi di impresa, della visura camerale unitamente al documento di identità del legale rappresentante) e dalle copie degli eventuali documenti sui quali si fonda la domanda del contribuente.

Cancellazione o Rateizzazione Debiti Equitalia

Lo Studio ti assiste nella procedura di rateizzazione dei debiti con la Agenzia delle Entrate Riscossione. La richiesta di rateizzazione può riguardare uno o più cartelle di pagamento (non è obbligatorio rateizzare tutte le cartelle di pagamento). La richiesta di rateizzazione va proposta mediante un'istanza contenente i dati identificativi del contribuente, l'indicazione dei debiti di cui si richiede il rateizzo, la dichiarazione di trovarsi in stato di momentanea difficoltà economica e la sottoscrizione. I documenti necessari per la richiesta di rateizzazione sono: la copia del documento di identità (o, se trattasi di impresa, della visura camerale unitamente al documento di identità del legale rappresentante), modello ISEE (solo per il piano straordinario) . Il piano di rateizzazione può consistere in massimo 72 rate mensili non inferiori a 50 euro ciascuna (piano ordinario); in caso di gravi e comprovate difficoltà economiche (risultante da idonea documentazione), è possibile, invece, accedere ad un piano di rateizzazione fino a 120 rate mensili massimo (piano straordinario).

Opposizione
Cartella Esattoriale

Dopo un'attentamente analisi della documentazione, ti forniamo un parere motivato sulla questione domandata indicandoti la presenza o meno dei presupposti per proporre ricorso o altri rimedi per ottenere l'annullamento dell'atto di riscossione; insieme sceglieremo la soluzione al problema più adatta al tuo caso. La consulenza può consistere sia nell'esame un singolo atto (cartella esattoriale, preavviso di fermo amministrativo, pignoramento ecc.), sia nell'esame l'intera situazione debitoria. I documenti necessari por l'esame di un singolo atto sono: l'atto che si intende far annullare completo della busta nel quale era contenuto (nel caso di notifica cartacea) o della stampa del testo della e-mail (nel caso di notifica eseguita a mezzo posta elettronica certificata); documento del debitore o, nel caso di imprese, visura camerale e documento del legale rappresentante. I documenti necessari per l'esame dell'intera situazione debitoria sono: estratti di ruolo rilasciati dall'Agenzia delle Entrate Riscossione (ex Equitalia); tutti gli atti precedentemente notificati di cui il debitore sia in possesso, completi delle buste in cui erano contenuti (nel caso di notifica cartacea) o delle stampe dei testi delle e-mail (nel caso di notifica eseguita a mezzo posta elettronica certificata); documento del debitore o, nel caso di imprese, visura camerale e documento del legale rappresentante.

Consulenza e attività stragiudiziali contro Agenzia delle Entrate Riscossioni (Ex Equitalia)

Da anni lavoriamo per aiutare le persone a estinguere debiti e pendenze con l’Agenzia delle Entrate Riscossioni ex Equitalia. Verifichiamo insieme a te la tua situazione dal punto di vista giuridico. Analizziamo la tua posizione tributaria, ispezioniamo le tue cartelle e accertiamo che la tua pendenza possa essere sospesa, ridotta o addirittura annullata.

L' Intimazione di Pagamento non è più un problema

Ottieni un quadro realistico della tua situazione fiscale.

Dopo un’attentamente analisi della documentazione, ti fornisco un parere legale motivato sulla questione domandata indicandoti la presenza o meno dei presupposti per proporre ricorso giudiziale o altri rimedi stragiudiziali per ottenere la migliore soluzione per il tuo caso specifico.

Le mie principali aree di Tutela Fiscale

Ecco come posso aiutarti

La Consulenza Legale Online contro Agenzia delle Entrate Riscossioni (Ex Equitalia). Ricevi un servizio innovativo e al passo coi tempi che ti permette di ottenere vantaggi non raggiungibili con i sistemi tradizionali su cause di diritto tributario, pendenze fiscali e risarcimenti.

Hai bisogno di aiuto legale contro
Agenzia delle Entrate Riscossione (ex Equitalia)?

Dal 2006 sono un Avvocato esperto in Diritto Tributario ed Esattoriale a Napoli e in tutta Italia

Lo Studio dell’Avvocato Marco Piccolo offre i suoi servizi legali contro ogni atto di riscossione coattiva. Come cartelle esattoriali, fermo amministrativo, iscrizione di ipoteca, pignoramento, intimazione di pagamento, ingiunzione fiscale di pagamento. Rientri in uno di questi casi?